Glossario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | | Z
andropausa L'andropausa è responsabile della diminuzione del desiderio sessuale maschile e del calo di energie. E' dovuta principalmente alla diminuzione del livello di ormoni maschili e/o del calo della proteina responsabile del trasporto di ormoni sessuali nel sangue. Viene facilmente diagnosticata mediante analisi del sangue ed accurata visita andrologica.
anemia L’anemia consiste nella diminuzione dell’emoglobina nel sangue, ossia della proteina indispensabile per il trasporto dell'ossigeno. I sintomi della malattia più frequenti comprendono: pallore, stanchezza, tachicardia e cardiopalmo, inappetenza, nausea, dispnea da sforzo e scarsa capacità di concentrazione. In alcuni casi si può verificare anche ingrossamento della milza. L’anemia può essere causata da un incremento del fabbisogno di emoglobina nel sangue legato a particolari condizioni fisiologiche, come l’età della crescita, la gravidanza o l’allattamento, l’età senile. La malattia può essere dovuta però anche a patologie genetiche, croniche invalidanti o tumori.
autismo L'autismo è un Disturbo Pervasivo dello Sviluppo (DPS) che compromette l'interazione sociale, la comunicazione, il comportamento. Se il disturbo compare nei primi due anni di vita si parla di autismo infantile. A tutt'oggi non esiste una vera e propria cura per guarirne, tuttavia è possibile ottenere significativi miglioramenti grazie a specifici trattamenti.
calcoli renali I calcoli renali sono delle piccole pietre costituite da depositi di sali minerali, presenti nelle vie urinarie oppure nei reni. Questi "sassolini" possono causare forti dolori alla schiena ed ai fianchi oppure al basso ventre. Il fenomeno si manifesta ogni 4 persone su 100 ed i soggetti più colpiti sono uomini.
cellulite La cellulite è l’accumulo di tessuto adiposo che crea la formazione di noduli di grasso, solitamente localizzati sui glutei, sulle cosce e sui fianchi. Circa il 90 % delle donne soffrono di questa patologia, in quanto rispetto agli uomini, le donne sono in gradi di immagazzinare più grasso corporeo nel corpo. La zona colpita da questo inestetismo tende a gonfiarsi, ad essere indolenzita e a manifestare a livello estetico, la cosiddetta “buccia d’arancia”.
colesterolo Il colesterolo è un grasso presente nel nostro corpo, prodotto naturalmente in gran parte dal fegato, ma spesso introdotto anche con gli alimenti di cui ci nutriamo. Viene trasportato nel sangue unendosi ad altre proteine, LDL e HDL. Le prime svolgono una funzione nociva in quanto favoriscono la presenza del colesterolo nelle arterie, mentre le seconde trasportano il colesterolo direttamente verso il fegato, senza passare dalle arterie, dove viene metabolizzato naturalmente.
diabete Il diabete è una malattia cronica che provoca un aumento del glucosio nel sangue. Esistono due tipi di diabete: quando si ha una distruzione completa delle cellule che producono l’ormone insulina, che abitualmente mantiene i livelli di glucosio normali nel sangue, siamo di fronte ad un diabete di tipo uno; quando, invece, la glicemia aumenta perché l’insulina agisce male, siamo di fronte ad un diabete di tipo due.
emorroidi Le emorroidi sono cuscinetti di tessuto altamente vascolarizzati, situati nella zona del plesso anale, necessari per garantire una corretta continenza rettale. Quando si infiammano possono provocare dolore acuto, bruciore e talvolta sanguinamento più o meno abbondante.
eritema L’eritema è un termine medico per indicare diversi tipi di irritazione a danno della nostra cute: solitamente si tratta di problematiche della pelle che sono caratterizzate da un arrossamento della zona interessata, bruciore ed irritazione.
infarto Per infarto si intende una zona di tessuto morta per insufficiente irrorazione sanguigna, che può interessare qualunque organo: si possono verificare infarti cerebrali, intestinali, polmonari o alla milza, ma il più frequente è l'infarto al cuore.
menopausa Per menopausa si intende il termine del sanguinamento mestruale e dell’età fertile della donna; il fenomeno coincide con la cessazione della produzione dei principali ormoni femminili (estrogeni) da parte delle ovaie. Generalmente la menopausa si manifesta tra i 45 ed i 50 anni di età, con alcuni di questi sintomi: vampate di calore, sudorazioni, palpitazioni e tachicardia, sbalzi della pressione arteriosa, secchezza vaginale, prurito genitale, irritabilità, umore instabile, affaticamento, ansia, demotivazione, disturbi della concentrazione e della memoria, diminuzione del desiderio sessuale, disturbi del sonno, vertigini. Con la menopausa aumentano per la donna i rischi di patologie cardiovascolari, come infarto cardiaco, ictus cerebrale e ipertensione; oltre che di patologie osteoarticolari, come l’osteoporosi.
obesità Per obesità si intende un accumulo di grasso corporeo dovuto alla mancanza di equilibrio tra energia introdotta con l’alimentazione e quella consumata. Negli obesi l’IMC, ossia l’indice di massa corporea che mette in relazione peso ed altezza della persona, è superiore a 30 kg/m2. L’obesità aumenta il rischio di patologie cardiache e respiratorie, diabete, ipertensione e tumori.
papillomavirus I papillomavirus umani (HPV) sono virus a Dna sessualmente trasmissibili che si replicano nelle cellule dell’epidermide. Si conoscono più di 120 tipi di virus HPV, in grado di infettare differenti i tipi di tessuto. Quelli più pericolosi sono detti HPV ad alto rischio perchè sono correlabili all'insorgenza di vari tipi di tumori tra cui quello alla cervice, alla vagina, al pene e all’ano.
sinusite La sinusite è una malattia infiammatoria acuta o cronica, molto comune, che colpisce i seni paranasali. Si può manifestare con un senso di pesantezza alla testa, cefalea, dolore agli occhi, al viso, febbre, voce di timbro nasale, ostruzione nasale con secrezione di muco o di pus dal naso, tosse, mal di gola, gonfiore alla guancia, gonfiore della palpebra superiore, vertigini.
smagliature Le smagliature, definite anche “strie atrofiche”, sono una vera e propria lacerazione della pelle. Possono essere, nella loro fase iniziale, di colore rosso-violaceo per via dello strato sottile della pelle: in un secondo momento, però queste lacerazioni tendono a cicatrizzarsi naturalmente da sole e ad avere una colorazione bianca assumendo uno spessore minimo oppure restando leggermente in rilievo nella zona colpita, come una sorta di cicatrice.
tiroide La tiroide è una ghiandola endocrina che secerne ormoni in grado di regolare il metabolismo del corpo umano e di regolare il livello interno di calcio e fosforo.
trombosi Esistono trombosi venose ed arteriose. Comunemente, quando si parla di "trombosi" ci si riferisce a quelle venose e si intende la formazione di un coagulo di sangue, di solito nelle gambe, che può determinare conseguenze anche gravi, come infarto, ictus o ischemia.

I commenti sono chiusi.